ARTICOLI

L'AFFETTIVITA' NELLE RELAZIONI DI CURA di cura di Sergio Signori


L’affettività nelle relazioni di cura  

di Sergio Signori

Ebbene sì, si comincia a parlare ( e a fare esperienze) di affettività anche negli  ospedali. Da alcuni anni all’ Ospedale di TorVergata a Roma si è costituito il “Gruppo dell’affettività delle cure infermieristiche “ con l’obiettivo di integrare e di armonizzare il gesto di cura attraverso la pratica del contatto e del massaggio in generale. “Il Gruppo delle affettività permette di spogliarsi dalle sovrastrutture  che la quotidianità impone. La relazione infermiere-paziente si modifica fortificandosi; nell’assistito cresce la  fiducia in un curante in grado di comprenderlo in maniera intima, senza il giudizio della paura dell’altro. La pratica del contatto diventa così uno strumento operativo dell’assistenza  nella sua quotidianità attraverso il massaggio; indirettamente, inoltre, si possono sensibilizzare molti colleghi alla comunicazione attraverso il tatto. L’incremento numerico del gruppo e la richiesta sempre maggiore di riconoscimento della persona nel paziente lasciano sperare in un futuro in cui il massaggio diventa cura complementare alla tradizione.” (Da “Il nursing del contatto: l’esperienza del tocco e l’affettività nelle cure infermieristiche” di Enrico De Luca e Luana Papaleo. L’Infermiere- 5/6 2010).

A Bolzano è stata realizzata un’esperienza di Biodanza ed educazione al Contatto per infermieri, con notevole successo e gradimento dei partecipanti. Finora il contatto e il tocco erano stati concepiti “solo” come una tecnica con finalità terapeutiche. Qui si parla invece di massaggio e più in generale di contatto come scambio di vissuti e con un valore intrinseco, al di là di qualsiasi forma di effetto terapeutico che ci si possa proporre. Anche perché il tatto è il senso della reciprocità immediata: non si può toccare senza essere toccati. 

Perché parliamo molto di infermieri ? perché si è visto che circa l’85% degli atti infermieristici implicano un contatto fisico; ma certamente il discorso si può estendere a ostetriche, educatrici delle scuole materne, riabilitatori, massofisioterapisti, osteopati, chiropratici ecc. Noi riteniamo che tutte le professioni di cura e riabilitazione trarrebbero un grandissimo vantaggio dall’introduzione dei principi e della pratica del “Buon Contatto” che è un contatto attento, rispettoso, mai invasivo, ed empatico, cioè in scambio reciproco con l’altra persona. Abbiamo avuto testimonianze dirette di ottimi effetti (documentabili anche dal minore fabbisogno di farmaci) in ospiti di istituti per anziani  non autosufficienti e con funzioni psichiche deteriorate (Casa protetta “Valleverde” a Raschignano – Bologna).

C’è poi un altro aspetto, altrettanto importante, che gli infermieri hanno relazionato nelle esperienze finora realizzate: un notevole aiuto per lo stress lavorativo (il cosiddetto “burn-out”) e un significativo miglioramento delle relazioni fra i colleghi di lavoro.

E’ nostra intenzione realizzare nella primavera del 2012 un convegno nel quale illustreremo tutti gli aspetti dell’Educazione al Contatto e del Buon Contatto nei vari ambiti della vita. Ci auguriamo che queste importanti innovazioni contribuiscano a realizzare quella che ormai molti  chiamano la “civiltà dell’empatia”.

SCUOLA DI EDUCAZIONE AL CONTATTO COLLABORA CON

Centro Studi SynLe Vie della Salute
PROSSIMI EVENTI

CORSO BASE di EDUCAZIONE AL CONTATTO A PADOVA


corso base di educazione al contatto a padova... link notizia
Dal 17/05/2014 al 18/05/2014
Presso: Associazione Culturale Syn, Padova

STAGE DI EDUCAZIONE AL CONTATTO Le Risorse del Buon Contatto 11maggio


stage di educazione al contatto le risorse del buon contatto 11maggio... link notizia
Giorno: 11/05/2014
Presso: Associazione Culturale Syn, Padova

CONFERENZA di Educazione al Contatto Dossobuono verona


conferenza di educazione al contatto dossobuono verona... link notizia
Giorno: 30/05/2014
Presso: c/o Modena Olistica, via Folloni 7, loc. Fossalta



Accedi al calendario completo




Accesso

Valid XHTML 1.0 Transitional